Utilizziamo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. 

Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.

 

SENTINELLE SULLA CHIESA DI ROMA

Giovani, segno profetico per il mondo

Shalom a tutti voi pietre vive! Il periodico di questo mese viene subito dopo la giornata della gioventù di Panama, e il papa, ancor più carico di entusiasmo, spende parole bellissime e cariche di speranza per i giovani e per il mondo intero.

immaginiperiodico20190215eInizia ricordando che a Panama, le persone, mentre lui passava, alzavano in alto i loro figli, orgogliosi di mostrare i loro piccoli e felici di averli. Un gesto che contrasta l’inverno demografico di tutta l’Europa e questo inverno senza bambini è duro. (Pensate che secondo una ricerca la prima causa di morte è l’aborto: 42 milioni di bambini abortiti in tutto il mondo nel 2018, nel 2019 son già più di 2 milioni e invece di far fronte a questo scempio, in alcuni stati americani si consente di abortire fino all’ultima settimana di gestazione e con pratiche disumane si pratica questo omicidio).

Il nostro caro Francesco poi, parla ancora dei giovani, della bellezza di vedere tanti volti e tante diversità, uniti però dalla gioia dell’incontro, danzare sotto lo sventolio di più bandiere, segno, dice il papa, controcorrente rispetto a chi innalza muri e si chiude all’individualismo. Segno che i giovani cristiani sono nel mondo lievito di pace.

Come ben sapete l’impronta di questa GMG è stata mariana, e Sua Santità non ha perso l’occasione per vedere nell’ “eccomi” di Maria quello dei giovani: “Finché ci saranno nuove generazioni capaci di dire “eccomi” a Dio, ci sarà futuro nel mondo”.

immaginiperiodico20190215fAi giovani inoltre ha proposto di essere appunto come la Madre di Dio, degli influencer, cioè di essere influenti nel mondo, come lo è stata Lei. Per fare questo quale via migliore se non quella del Vangelo, vivendolo nell’oggi e non nel domani, perché dice Francesco ai giovani, voi non siete “il domani” ma dovete essere l’ “oggi “ per il “domani”. Insomma, il papa è come sempre carico di entusiasmo e di affetto per i giovani, cercando di instaurare con loro delle relazioni vere, perché vuol testimoniare che essi sono davvero un segno profetico per il mondo, se saranno circondati di fiducia e accompagnati nel cammino, senza pregiudizi e luoghi comuni.

Grazie Bergoglio, ci insegni, ancora una volta, che la via dell’umiltà, spalanca i cuori, le porte dell’incontro e che se ci faremo piccoli, allora come dice Gesù, entreremo nel regno dei cieli. Buon cammino a tutti allora… sulla via dell’umiltà!

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DI QUESTO MESE