Utilizziamo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. 

Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.

 

LA LETTERA DEL NOSTRO FONDATORE

È Natale: di che temere?

C’erano in quella regione alcuni pastori [...].Un angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande spavento, ma l’angelo disse loro: «Non temete, ecco, vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama» (Luca 2,1.10-14).

“Non temete” è l’invito che Dio ci rivolge attraverso il suo angelo manifestando l’evento più grande della storia: la venuta di Dio in mezzo a noi. Una presenza mai così forte in tutta la storia dell’umanità, la sua Incarnazione: Dio si fa Bambino.

immaginiperiodico20181215pNella Sacra Scrittura l’invito a non temere ritorna 365 volte. Sorpresi? 365 sono i giorni dell’anno. Dio ogni giorno ci rivolge questo invito: ‘non temere’, non aver paura. Abbiamo sempre qualcosa o qualcuno che ci mette paura: un evento inaspettato, un dolore, una malattia, un esame, una persona (del padre o della madre, di un insegnante o collega di lavoro). Alcuni hanno paura anche di Dio tanto da rinnegarlo e professarsi atei o agnostici e anche chi dice di conoscerlo lo relega in un piccolo cantuccio della propria vita che non disturbi.

In questo Natale incantiamoci davanti al Presepe, fissiamo quella mangiatoia dove è deposto il Bambino Gesù, sentiamo i suoi vagiti, osserviamo il suo volto sereno e sorridente: di che temere? Di che avere paura se Egli è con noi? Nemmeno della morte visto che Lui ha condiviso pure questa nostra condizione di creature. Siamo “uomini che egli ama” conclude l’inno cantato dagli angeli.

Abbracciamo perciò ogni sorella e fratello, diciamo l’amore che Dio ha per ognuno, non lasciamo che la paura freni il nostro cuore e irrigidisca le nostre mani. Impariamo oggi ad amare come siamo amati da Dio. Il Natale, la nascita di Gesù, sia l’evento che dà forma e concretezza alla nostra fede.

Forse oggi la crisi di fede così diffusa è proprio perché non acquista concretezza, è una fede che si mostra poco, tutta interiore. Ma questo è la tomba della fede!

immaginiperiodico20181215qNatale non siano le luminarie che addobbano le nostre città, ma sia la Luce che brilla dal cuore e dagli occhi di ogni credente in Gesù, una luce che permea ogni nostro piccolo gesto.

Buon Natale a tutti voi!

p. Giovanni dell’Immacolata

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DI QUESTO MESE