Utilizziamo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. 

Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.

 

PELLEGRINI IN FRANCIA

Medaglia Miracolosa a Rue du Bac

Lo scorso settembre noi, frati e suore di Maria, abbiamo ricevuto un grande dono dalla Divina Provvidenza: un indimenticabile pellegrinaggio in Francia. Abbiamo avuto la gioia di vivere dei momenti forti di comunione e di preghiera, visitando i luoghi di alcuni santi francesi, in particolare quelli dei nostri santi protettori Teresa e Luigi Maria.

La prima tappa del nostro pellegrinaggio è stata la cappella della Medaglia Miracolosa a Rue du Bac, nel cuore di Parigi.

Il 27 novembre 1830 a Santa Caterina Labouré, Figlia della Carità, mentre stava facendo meditazione in cappella, è apparsa la Vergine Immacolata.
Santa Caterina racconta che la santa Vergine era di una bellezza indescrivibile. Tutto ad un tratto le sue dita si riempirono di anelli ornati di pietre preziose dalle quali partivano molti raggi che si allargavano riempendo tutta la parte inferiore del corpo.
Una voce interiore le disse: “I raggi sono simbolo delle grazie che io spargo sulle persone che me le chiedono”.
Comprese quanto Maria è generosa verso chi la prega e quanto sia grande la sua gioia nel concedere le grazie a chi ripone in lei la sua fiducia.
medagliaEd ecco formarsi attorno alla sua figura un quadro ovale sul quale si legge: O MARIA, CONCEPITA SENZA PECCATO, PREGA PER NOI CHE RICORRIAMO A VOI.
Poi, improvvisamente il quadro si volta e a Santa Caterina si presenta il retro: il monogramma di Maria sormontato dalla Croce e, in basso due Cuori: quello di Gesù, coronato di spine, e quello di Maria, trafitto da una spada. Intorno, come una Cornice, appare una corona di dodici stelle. E Maria dice alla Santa:
“Fa’ coniare una Medaglia su questo modello. Tutte le persone che la portano riceveranno grandi grazie. Le grazie saranno ancora più grandi per coloro che la porteranno con fiducia”.

La medaglia comincia a diffondersi due anni dopo, quando nel Febbraio 1832 scoppia a Parigi una terribile epidemia di colera, che provocherà più di 20.000 morti. In Giugno le Figlie della Carità cominciano a distribuire le prime 2.000 medaglie, fatte coniare da Padre Aladel, confessore della santa. Le guarigioni e le conversioni si moltiplicano. Fu un avvenimento straordinario. Il popolo di Parigi chiamò la medaglia «miracolosa».

Tra le grandi grazie si ricorda la conversione istantanea dell’ebreo non credente e anticattolico Alfonso Ratisbonne, avvenuta nel 1842 nella chiesa di S. Andrea delle Fratte a Roma. Egli portava la Medaglia Miracolosa solo per far piacere ad un amico che gliel’aveva regalata. Entrato per caso nella chiesa, Maria Immacolata gli apparve com’è raffigurata nella Medaglia ed egli, folgorato, si convertì all’istante, divenne cattolico, sacerdote e apostolo fervente di questo dono celeste.

Innumerevoli santi hanno amato e diffuso la Medaglia Miracolosa. Fra questi ricordiamo la nostra cara Teresa di Gesù Bambino, che già da piccola le diffondeva mettendole nelle tasche degli operai e anche l’amato padre Pio da Pietrelcina, che le distribuiva sempre a tutti e morì con queste medaglie in tasca.

Portiamo la Medaglia Miracolosa con fiducia, come segno dell’amore a Maria! Portiamola con devozione. Portiamola sempre. Diffondiamola ovunque: è Maria stessa che ce lo chiede!

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DI QUESTO MESE